Menu

I RIFIUTI ELETTRONICI: UNA NUOVA FRONTIERA PER IL RICICLO

SMARTPHONE, ARRIVA IL RICICLO DEI LORO METALLI

L’ECONOMIA CIRCOLARE NEL PNRR

Scuro Chiaro

Si chiama urban mining ed è l’ultima frontiera del riciclo efficace dei rifiuti elettronici: grazie all’impiego di varie tecnologie si recuperano da smartphone, computer, televisori e apparecchi vari tutti i metalli preziosi contenuti al loro interno. Oro, rame, argento ma anche palladio e rodio utilizzati per la costruzione di schede elettroniche e microprocessori. Si tratta però di processi lunghi, costosi e che richiedono notevoli quantità di energia, al punto da essere poco profittevoli per chi vi si dedica.

La recente scoperta di un team di ricercatori della Rice University  – i risultati dello studio sono pubblicati su Nature – potrebbe però rendere questi processi più accessibili. Bing Deng e i suoi collaboratori hanno adattato un processo industriale noto come “flash Joule heating”, solitamente utilizzato per la produzione del grafene e altri materiali supersottili.

Vapori metallici. Il materiale da riciclare, dopo essere stato polverizzato, viene portato istantaneamente alla temperatura di 3.400 Kelvin (3142 °C) grazie a una scarica elettrica particolarmente intensa. A questa temperatura i metalli evaporano e vengono aspirati fino a una camera di condensazione dove vengono fatti raffreddare e solidificare nuovamente. I diversi materiali vengono a questo punto separati e recuperati mediante comuni processi industriali.

Questo processo, che consuma relativamente poca energia, permette di recuperare e smaltire correttamente anche i metalli tossici come il piombo, l’arsenico, il cadmio e il mercurio, normalmente difficili da separare. Ciò che resta dopo la vaporizzazione è un materiale inerte, con bassissime percentuali di sostanze tossiche: dopo un ciclo di vaporizzazione, la concentrazione di piombo nel materiale di risulta era inferiore a 0,05 parti per milione, un livello considerato sicuro nei terreni utilizzati in agricoltura.

Il pianeta ringrazia. Questa tecnologia, una volta che ne sarà verificata l’efficacia su scala industriale, potrebbe rappresentare una valida alternativa alla tradizionale estrazione dei metalli dalle profondità della Terra o degli Oceani. Secondo le stime, ogni anno finiscono in discarica oltre 40 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici e solo il 20% di queste viene riciclato.

Grazie per aver letto anche questo articolo di Metalblog.it!

Il nostro focus, in sintonia con il Gruppo Fiori, è esplorare l’economia circolare dei metalli attraverso molteplici punti di vista e approfondimenti, con un tono tecnico, oggettivo e divulgativo. Parliamo soprattutto di metalli e mercati, ma anche di sostenibilità e ambiente, innovazione e tecnologia. 

Arrivederci a presto!

Buona lettura!

Altri post collegati

IL VALORE DEL RICICLO DEI METALLI

L’importanza per l’economia circolare dal riciclo/riuso dei metalli emerge da queste eloquenti statistiche (fonte: World Steel): Nel 2019,…
Copyright ©2021-2022 | FIORI METALLI Spa Via Confortino 31 – Località Crespellano 40053 Valsamoggia (BO) Italy | P.IVA IT 01768721209 Cod. Fiscale 03066610373 | Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. |Privacy Policy