Menu

BUSINESS: IL FOCUS SU ACCIAIO E METALLI

COME AVVIENE IL RICICLO DELLE AUTO ROTTAMATE

LA GRANDE CORSA DEI PREZZI DEI METALLI

Scuro Chiaro

Acciaio

In siderurgia a mancare sono soprattutto i prodotti piani: solo nei primi mesi di quest’anno i coils europei sono aumentati di oltre il 60% con prezzi record ormai stabilmente oltre i 1.000 euro la tonnellata. In scia le lamiere i cui prezzi hanno subito un’ascesa senza precedenti. I tempi di consegna si sono dilatati e i centri servizi confermano difficoltà a riassortire i magazzini. Oltre all’impatto sul comparto Automotive, già in crisi per la mancanza di semiconduttori, preoccupano le ricadute sul settore degli elettrodomestici e sulle industrie meccaniche e metalmeccaniche.


Metalli industriali

Contrazione dell’offerta e vischiosità logistiche pesano sui prezzi dell’alluminio che dall’aprile dello scorso anno sono aumentati dell’80,4%. L’ansia da approvvigionamento spinge gli acquirenti ad ordinare quantità di metallo in eccesso, aggravando il nervosismo. Anche in questo caso è la Cina a dominare il mercato, essendo passata dalla condizione di esportatore a quella di importatore netto. Tra gli eccezionali aumenti dei non ferrosi spicca anche il prezzo del rame, che in poco più di un anno è salito del 132% fissando un nuovo massimo storico. In questo caso il problema è l’offerta, pesantemente ridotta per effetto della crisi sanitaria che ha colpito molti Paesi produttori, soprattutto in America Latina. L’orientamento dei prezzi è eccitato anche dalla speculazione finanziaria, che cavalca le attese di un travolgente aumento dei consumi del metallo rosso suscitato dall’incombente transizione energetica.


Prospettive

Condizione necessaria per il graduale ritorno alla normalità degli scambi internazionali è la ricostituzione dell’offerta globale, che potrà irrobustirsi anche grazie ai nuovi investimenti in miniere ed impianti facilitati dalle alte quotazioni correnti. Con la piena riattivazione delle rotte marittime ed il riordino del traffico di container si arriverà inoltre a riportare i noli su valori equiparabili a quelli in vigore prima della pandemia. Oggi è l’eccesso di misure protezionistiche ad essere d’intralcio alla stabilità. C’è dunque da augurarsi che, quantomeno a livello europeo, si provveda ad attenuare quelle salvaguardie alle importazioni di acciaio e di metalli extra-UE accelerando così il riequilibrio dei mercati delle materie prime.

Grazie per aver letto anche questo articolo di Metalblog.it!

Il nostro focus, in sintonia con il Gruppo Fiori, è esplorare l’economia circolare dei metalli attraverso molteplici punti di vista e approfondimenti, con un tono tecnico, oggettivo e divulgativo. Parliamo soprattutto di metalli e mercati, ma anche di sostenibilità e ambiente, innovazione e tecnologia. 

Arrivederci a presto!

Buona lettura!

Copyright ©2021-2022 | FIORI METALLI Spa Via Confortino 31 – Località Crespellano 40053 Valsamoggia (BO) Italy | P.IVA IT 01768721209 Cod. Fiscale 03066610373 | Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. |Privacy Policy